«

»

Nov 11

Appalto rifiuti: l’Autorità Nazionale Anticorruzione avvia un procedimento di verifica

anticorruzione

L’amministrazione Lonati non perde occasione di mostrarsi in tutta la sua incapacità e disorganizzazione, questa volta in occasione del rinnovo degli appalti di gestione dei rifiuti e di spazzamento strade.

Gli appalti in questione scadevano tutti il 31/12/2014 (ricordiamo che la Giunta Lonati è stata eletta a metà 2013), ma in prossimità della scadenza, esattamente il 22 dicembre, la Giunta dispone la proroga di tutti i contratti riconducibili ai servizi igiene urbana per 6 mesi, ossia fino al 30/6/2015, con la seguente motivazione: “…. la complessità della materia da trattare richiede un consistente impegno e presenta elevate difficoltà …..”

Se non sono capaci di affrontare materie complesse, ma allora perchè candidarsi ad amministrare un paese, invece di andarsene a pescare?

Successivamente, nelle more dell’espletamento della gara, gli appalti hanno subito altre due proroghe di 3 mesi ciascuna, la  prima fino al 30 settembre e successivamente sino a fine anno.

Ovviamente il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Simone Ligorio, di fronte a questa manifesta incapacità e sopratutto al di fronte al mancato rispetto della normativa che non prevede la possibilità di proroga se non nei soli casi, limitati ed eccezionali, di “proroga tecnica” ossia  non dipendenti dall’Amministrazione, ma necessari ad assicurare il servizio per il tempo necessario all’espletamento della gara, si è premurato di redigere un esposto alla Autorità Nazionale Anticorruzione – Vigilanza Contratti Pubblici.

L’Autorità, oltre a rilevare le medesime criticità sollevate dal nostro consigliere, scrive testualmente: ” …..non appaiono sussistere ragioni plausibili che possano giustificare il reiterarsi ad libitum di proroghe concesse alle società  A.T.I San Germano srl/Aimeri Ambiente srl, Lomellina Energia srl e Berco srl, pena il possibile insorgere di ipotesi di danno erariale conseguente all’inamissibilità di proroghe che non abbiano la connotazione del c.d. ” proroga tecnica …”

Pone inoltre un termine di 15gg all’Amministrazione per relazionare in merito ed invia per conoscenza la risposta alla Procura Regionale della Corte dei Conti.

Ci si chiede se assisteremo al solito scaricabarile tra i politici ed i tecnici. Certo è che le proroghe sono state effettuate dall’Arch. Bresadola, Responsabile dell’Ufficio Patrimonio, ma la Giunta e il Sindaco Lonati hanno fornito gli indirizzi alla proroga con un’apposita delibera.

A questo punto PD, Io Amo Bareggio e il consigliere Galli (stampella della maggioranza) quali scuse addurranno in difesa del Sindaco, dell’assessore Stellardi e del resto della Giunta? Ne tantomeno possono chiamarsi fuori da questa vicenda, in quanto nelle diverse sedi, Consigli comunali e commissioni, abbiamo esposto i nostri dubbi e perplessità sulla gestione degli appalti.

L’approccio del nostro consigliere Ligorio è sempre stato collaborativo, facendo rilevare in anticipo eventuale problemi, ma le risposte ricevute erano sempre del tipo: “se ritiene che le cose non siano fatte correttamente, si rivolga alle autorità preposte”.  Ora che queste autorità hanno acceso un faro sul Comune di Bareggio e la sua Amministrazione cosa rispondono Pd e Io Amo Bareggio?

Per quanto ci riguarda la responsabilità è prima di tutto politica e poi tecnica, l’incapacità di decidere e il mancato rispetto delle norme hanno delle ripercussioni su tutti i cittadini in termini di costi. Basta chiedere a chi in questi giorni si appresta a pagare la tassa dei rifiuti (TARI).

Questa Amministrazione ricorda un bellissimo quadro esposto al Louvre di Parigi: la zattera della medusa di Gericault dove un gruppo di (naufraghi) disperati galleggia sulle onde sperando che la corrente li porti verso terra, o nel nostro caso fino alla fine del mandato.

Per quanto ci riguarda il Movimento 5 Stelle di Bareggio, oltre a controllare costantemente la rotta di questa zattera sul GPS, si candida ad essere la più bella ondata che li sommergerà!

 

Di seguito si riporta la nota dell’ANAC:

2015_0149146_anac 09_11_2015

2 comments

  1. Simona Sacchi

    La giunta Lonati è incapace di gestire la questione rifiuti, sono stata protagonista di episodi sgradevoli nella mia zona ( V. S. Carlo). Nonostante alcuni assessori del suo gruppo riconoscessero le nostre ragioni, per MOTIVI “POLITICI” hanno votato a nostro sfavore!!! LA COERENZA PRIMA DI TUTTO MI RACCOMANDO!!!SCANDALOSI!!!! E il tutto per non andare contro ad un unico soggetto ( che si vantava di essere AMICA del sindaco) della cricca del gruppo XXV aprile!!!!!! VERGOGNA!!!!!!

  2. gigi

    … ho terminato i sacchi gialli per la raccolta differenziata e “tosto” mi son recato in comune per richiederne integrazione; la risposta è stata ESAURITI (esauriti da un bel pezzo!)
    … la signora Malaggi (settore Igiene) mi consiglia di andarmene a comprare di trasparenti… e non importa se non sono gialli… NATURALMENTE a mie spese!
    proprio come la CARTA IGIENICA nelle scuole pubbliche: se non ci pensa “papà” la creatura resta col sederino sporco!!! (la buona scuola comincia dalla buona carta… grazie Renzi! grazie Lonati!)
    naturalmente DOPO ESSERE STATO SPREMUTO DI TASSE SULLA CASA sarà mia premura recapitare al signor sindaco lo scontrino fiscale dei miei nuovi sacchi… che dite? mi rimborserà?

Commenti disabilitati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookies per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookies o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.


I cookies da noi utilizzati sono esclusivamente cookies tecnici col solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).
Questo sito non fa utilizzo di cookies di profilazione (volti a creare profili relativi all'utente che vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete) né proprietari né tanto meno di cookies di terze parti (utilizzati da altri soggetti rispetto agli autori del sito e sempre finalizzati a profilare gli utenti per offrire pubblicità personalizzate).

Chiudi